Dieta vegana per dimagrire

Dieta vegana è leggera, sana, gustosa e originale. Attira sempre più persone interessate ad uno stile di vita sano. Per alcuni è una fuga temporanea dalla monotona cucina classica, per altri diventa uno stile alimentare permanente. Sempre più spesso la dieta vegana è usata anche come un modo per perdere peso.

Dieta vegana – principi

Dieta vegana esclude tutti i derivati animali. Si tratta di una dieta al 100% vegetale, composta da verdure, cereali e frutta. Da questo punto di vista, è più severa della dieta vegetariana, che esclude solo la carne, ma consente l’uso di uova, latticini e, in alcuni casi, pesce e frutti di mare.

Se decidiamo di seguire una dieta vegana, dovrebbero scomparire dai nostri frigoriferi:

  • carne e affettati;
  • pesce;
  • latte;
  • uova;
  • formaggi;
  • yogurt, kefir, latticello;
  • panna;
  • burro;
  • miele.

Inoltre, seguendo una dieta vegana dobbiamo rinunciare a molti altri prodotti che apparentemente non hanno nulla a che fare con la carne o i latticini, per esempio, la maggior parte dei dolci (nella loro composizione troviamo spesso latte, miele, uova o ingredienti non consentiti nelle dite vegane), gelatine e altri prodotti contenenti gelatine; alcune paste (contenenti uova).

Quando si compone il menu di una dieta vegana, si utilizza i prodotti a base di cereali, verdura e frutta, cercando di creare pasti di pieno valore energetico. Legumi e i cereali dovrebbero svolgere un ruolo importante nel menu giornaliero, in quanto contengono grandi quantità di un nutriente chiave necessario per il nostro organismo, cioè le proteine. In una dieta standard, le proteine sono fornite insieme a carne, pesce e latticini. La dieta vegana esclude questi ingredienti, quindi è necessario integrare le proteine in modo diverso.

I prodotti vegetali ricchi di proteine sono: soia, fagioli, lenticchie, ceci, noci, semi di zucca, semi di lino, semi di sesamo, semi di chia, quinoa, semole.

Controlla: Cosa mangiare per perdere peso

Dieta vegana – menu. Cosa mangiano i vegani?

Certamente, la cucina vegana non può essere accusata per monotonia o mancanza di gusto. I prodotti vegetali offrono una vasta gamma di possibilità culinarie. Un normale sedano o carota può essere utilizzato per realizzare piatti diversi, dalle creme da spalmare sul pane alle polpette aromatiche.

Se si aggiungono le spezie a verdure, frutta, semole, noci e prodotti a base di cereali, così come sostituti delle carni pronte o dei latticini, si ottiene una cucina molto varia e appetitosa.

Elenco dei prodotti sostitutivi della carne e dei prodotti lattiero-caseari piu’ utilizzati nelle diete vegane contniene:

  • tofu;
  • tempeh, seitan;
  • granulati, polpette e dadi di soia;
  • affettati di soia, pate’ di legumi e verdura;
  • brodo di verdura;
  • bevande di soia, riso, avena, grano, cocco (sostituti del latte) ;
  • panna di cocco, riso;
  • formaggi vegani a base di olio di soia;
  • yogurt a base di cocco e latte di soia.

Componenti importanti di una dieta vegana sono i prodotti a base di cereali integrali – pane integrale, semola, riso, fiocchi, crusca e germe di grano, verdure in varie versioni – dagli spinaci e insalate, zucchine, peperoni e pomodori, fino alle barbabietole, carote, cavoli e broccoli e frutta (mele, pere, agrumi, kiwi, bacche, ecc.).

I prodotti cereali dovrebbero trovarsi in almeno 3 pasti su 5, le verdure dovrebbero essere incluse nella maggior parte dei pasti, la frutta dovrebbe essere consumata circa 2-3 volte al giorno.

Un esempio di menu dietetico vegano:

  • Colazione: budino di riso ( (a base di latte di mandorle o di riso) con frutti di bosco e noci.
  • Seconda colazione: panino di pane integrale con paté di verdure bianche, pomodoro
  • Cena: tempeh curry con orzo, lattuga verde
  • Merenda: mousse di frutta con amaranto
  • Cena: insalata di verdure, fetta di pane di segale
  • Colazione: panino integrale con avocado, prezzemolo e semi di girasole tostati.
  • Seconda colazione: pompelmo
  • Pranzo: crema di broccoli, polpette di lenticchie in salsa di pomodoro servite con riso.
  • Merenda: torta vegana di carote
  • Cena: toast integrale, wurstel di soia scardati con rafano, cetriolo, lattuga, cetriolo.
  • Colazione: ricotta (a base di tofu) con erba cipollina, ravanelli e semi di zucca, pane integrale.
  • Seconda colazione: carote, cetrioli e peperone tagliati, salsa all’aglio (a base di yogurt vegano)
  • Pranzo: pasticcio con pasta integrale (es. penne) con verdure, erbe aromatiche e formaggio vegano tipo mozzarella.
  • Merenda: dessert al cioccolato (a base di yogurt vegano e cacao)
  • Cena: panino integrale con hummus, insalata con spinaci freschi e pomodoro.

Dieta vegana per dimagrire

Una dieta vegana è un alleato molto forte per la perdita di peso. È meno calorica di una dieta standard e, soprattutto, è priva di tutti gli alimenti trasformati che, a causa della ricchezza di carboidrati e grassi contribuiscono all’aumento di peso.

Il menu della dieta vegana è costruito sulla base di verdure, cereali e frutta, cioè fibre, che, come sappiamo, servono a ottenere una silhouette snella. La fibra alimentare stimola l’intestino a lavorare, aiuta a rimuovere dal tratto gastrointestinale resti di cibo e sostanze nocive, supporta la nostra lotta per dimagrire, ottenere una vita sottile e lo stomaco piatto. Inoltre, aumenta la sensazione di sazietà prevenendo l’assunzione degli spuntini e previene i salti di zucchero nel sangue, proteggendoci così dagli attacchi di fame.

Una dieta vegetale è una delle diete più efficaci nella lotta contro l’eccesso di peso. Ricordate, tuttavia, che questa è una dieta in cui dovete ” sorvegliare” il menu. I pasti dovrebbero fornirci quantità adeguate di tutte le sostanze nutritive importanti. Quando si smette di mangiare carne, pesce, uova e latticini, si può verificare una carenza di proteine, ferro, calcio, vitamina B12 e vitamina D. Per evitarlo, si dovrebbe scegliere una dieta ricca, varia ed equilibrata.

Leggi anche:

6 comments

  1. Forse si riesce a dimagrire seguendo la dieta vegana, ho perso 7 kg in pochi mesi, pero’ e’ difficile a seguirla a lungo. Purtroppo il mio organismo richiedeva in continuazione la carne e non aveva piu’ senso stare a dieta. La dieta non e’ adatta a tutti come sistema alimentare stabile.

  2. Invece a me piace questa dieta vegana. La seguo da circa 2,5 anni e non smettero’. Non sento la mancanza della carne, ma conosco delle persone che dopo un certo periodo sono tornate a mangiare la carne, pesce e alcuni solo a mangiare formaggi…Ogni organismo e’ diverso.

  3. Devo ammettere che anche io ho provato questa dieta e sono persino riuscita a perdere peso, ma non era un buon modo per me. Non avrei più potuto vivere senza carne o latticini. E’ una parte importante del mio menu’. Non riesco a immaginare di separarmi completamente dal formaggio, yogurt. Uova, miele sono anche questi dei miei prodotti preferiti. Non potevo rinunciarvi completamente e per sempre. Sì, una dieta vegana pulisce il corpo dalle tossine e può avere un effetto dimagrante, ma io la tratto come una soluzione temporanea piuttosto che uno stile alimentare permanente.

  4. Ella Blue – nessuno ha detto che devi diventare un vegano per sempre. Tante persone la usano infatti piu’ come un modo per depurare o sbarazzarsi di qualche chiletto. Anche io pensavo di farlo, pero’ mi e’ piaciuta troppo e sono diventata una vera vegana 🙂

  5. Piace anche a me la dieta vegana. E ‘molto gustosa se si cerca delle ricette e prova a prepararle in cucina, in piu’ ha anche un effetto benefico sulla figura e pelle.

  6. E’ sufficiente per me aver eliminato dal menu la carne e prodotti lavorati. Sto dimagrendo e mi sento bene, mi vedo bene. Insomma mi baso soprattutto sulle ricette vegane, piu’ importanti sono i prodotti vegetali, ogni tanto mangio carne magra di pollo, pesce, prodotti lattieri e uova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.